sabato 16 marzo 2013

DA LONTANO

Qualche volta, piano piano, quando la notte
si raccoglie sulle nostre fronti e si riempie
di silenzio,
e non c’è più posto per le parole,
e a poco a poco si raddensa una dolcezza
intorno
come una perla intorno al singolo grano
di sabbia,
una lettera alla volta pronunciamo
un nome amato
per comporre la sua figura; allora
la notte diventa cielo
nella nostra bocca, e il nome amato
un pane caldo, spezzato.

                                                 Pierluigi Cappello


Pierluigi Cappello poeta italiano nato a Gemona del Friuli, 1967. La poesia  riprodotta è tratta da raccolta "Crocetti Editore"

5 commenti:

  1. Foto notturna bellissima, accompagna da questi bellissimi versi di questo bravo poeta.
    Buon fine settimana cara Stefania.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ciao Stefania,
    questa foto è molto bella, adoro i paesaggi notturni.
    Belle anche la poesia.
    Baci e buon weekend

    RispondiElimina
  3. La notte è magica con le sue luci soffuse dentro sogni e silenzi infiniti!
    Splendida poesia accompagnata dalla magia delle luci notturne!
    Buona serata da Beatris

    RispondiElimina
  4. Bellissima poesia che entra dentro nell'intimità.
    Molto bella anche la fotografia della notte.
    Ciao, buona domenica.
    Antonella

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutti.
    Un abbraccio, Stefania

    RispondiElimina