sabato 25 agosto 2012

LE MIE POESIE

VENEZIA

Venezia, un mare d'acqua
sulle nostre parole
un tempo tra i canali
che una gondola confonde.
Ondeggia silenziosa
tra sagome affossate
dalla forza della ragione.
Vuoto ramificato
tra ormeggi abbandonati
esalta silenzi senza nome.
L'altrove è un disegno
ambito dal viaggiatore
ha la maestria della seduzione.
Ma questa notte la luna
ha gli occhi languidi dell'amore
e saprà trovare
i versi giusti per il cuore.
(2012)

Nessun commento:

Posta un commento