giovedì 15 novembre 2012

L'ULTIMO DOMANI

Un tempo ancora
oggi, domani, quando?
Avrò ancora
nei silenzi senza nome,
nuvole rosa
nel crepuscolo di voci
da consumati desideri.
Passi di ripetuti slanci
e d'inquieti abbandoni.
Avrò oscillanti rimpianti
sulle ali di speranze svanite
nei deliri di sogni
dietro il giorno, dietro la notte.
Avrò la folle illusione
di trovare un'ancora
dove appendermi e restare.
Un tempo ancora
oggi, domani, quando?
Lungo il sentiero
vicino, lontano
dalla stagione 
delle foglie brunite.
Lungo l'ombra della notte
che silenziosa veglia
il sonno eterno delle foglie.
Di gradino in gradino cercando
il senso a questa vita.
Aspettando
l'ultimo domani,
senza mai sapere quando.
                   Stefyp.

4 commenti:

  1. gli ultimi cinque versi mi hanno davvero colpita! riassumono in poche parole quel tanto noto senso di inquietudine...
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ellie per il tuo commento. La vita è un dono prezioso
      che non merita di essere sprecato, e visto che non sappiamo fino a quando..altro non ci resta che cogliere ogni attimo.
      Ciao Stefania

      Elimina
  2. Ogni momento può essere quello giusto, basta saperlo riconoscere e coglierlo. La vita non deve essere vissuta nell'attesa di un quando, che magari non arriverà mai, ma nella costruzione di "stazioni" che ci consentano di prendere al volo treni che passano. Tu, credo lo faccia ogni giorno con i tuoi gesti d'arte. La vita e il suo senso....passerà. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo commento, grazie. Sono d'accordo, la vita merita di essere vissuta attimo per attimo, visto che non sappiamo quale sarà l'ultimo treno su cui saliremo. Ciao

      Elimina