mercoledì 26 dicembre 2012

C'ERA

L’agnello belava dolcemente.
L’asino, tenero, si allietava
in un caldo chiamare.
Il cane latrava
quasi parlando alle stelle.
Mi svegliai…Uscii. Vidi orme
celesti sul terreno
fiorito
come un cielo capovolto.
Un soffio tiepido e soave
velava l’alberata:
la luna andava declinando
in un occaso d’oro e di seta
apersi la stalla per vedere se Egli
era là…
C’era…

           Juan Ramon Jmenez 

(Moguer, 24 dicembre 1881San Juan, 29 maggio 1958), poeta spagnolo. Premio Nobel per la letteratura nel 1956, è stato uno dei più importanti intellettuali della generazione del '14.

13 commenti:

  1. Bella veramente questa poesia, grazie di averla condivisa.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ieri t'avevo fatto gli auguri da me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gianna, apprezzo i tuoi auguri, che non ho visto perchè un po' presa dalla festività.
      Buona giornata, Stefania

      Elimina
  3. Grazie per questa bella poesia. un saluto frettoloso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia,
      buona giornata, Stefania

      Elimina
  4. ...ciao Stefania, mirabile scelta poetica...ti auguro un festoso San Silvestro...:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sergio, un augurio anche a te.
      Ciao, Stefania

      Elimina
  5. mi piace il nome che hai scelto per il tuo blog... ti aspetto da me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, per la tua visita, appena possibile passerò da te.
      Ciao, Stefania

      Elimina
  6. Che bella poesia! Grazie perchè non la conoscevo.
    Buon anno
    Xavier

    RispondiElimina
  7. Grazie Stefania. Buon 2013 anche a te.
    Pierluigi

    RispondiElimina
  8. x Mago di Oz e Pierluigi,
    Buon anno a voi, felicità e amore
    Ciao, Stefania

    RispondiElimina