domenica 10 marzo 2013

UNA ROSA CHE SBOCCIA

Ibernati, incoscienti, inesistenti,
proveniamo da infiniti deserti.
Fra poco altri infiniti ci apriranno
ali voraci per l'eternità.

Ma qui ora c'è l'oasi, catena
di delizie e tormenti. Le stagioni
colorate ci avvolgono, le mani
amate ci accarezzano.

Un punto infinitesimo nel vortice
che cieco ci avviluppa. C'è la musica
(altrove sconosciuta), c'è il miracolo
della rosa che sboccia, e c'è il mio cuore.

                         Maria Luisa Spaziani

                            

8 commenti:

  1. Bella poesia, cara Stefania, questa è una scelta bellissima, grazie di averla condivisa.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Poesia stupenda, complimenti per la scelta ;)
    ciao ciao e buona domenica

    RispondiElimina
  3. Apprezzo tantissimo le tue scelte poetiche...qui trovo davvero un'oasi.
    Ciao, buona serata.
    Antonella

    RispondiElimina
  4. ...una rosa che come l'uomo proviene dai deserti dell'universo e là tornerà..ma resta la vita che come un fiore nasce, sboccia e muore...e un cuore che sboccia e torna a sbocciare...bella scelta Stefania...abbraccio..

    RispondiElimina
  5. Un cuore di rosa in ognuno di noi!!!
    Lo scatto è incantevole!!!
    Un abbraccio forte e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  6. Perchè vedo solo il deserto?
    Ma se sto più attenta in lontananza sento la musica..per tutto il resto ci vorrà tanto tempo!
    Ti voglio bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie amica, la tua sensibilità mi commuove.
      Un abbraccio.

      Elimina
  7. Siete passati numerosi, a voi tutti un grosso abbraccio e un grazie.
    Stefania

    RispondiElimina