sabato 18 maggio 2013

MALINCONICHE OMBRE

Lampioni ancora accesi sul viale
abbagliano le pigre gocce
che si profilano controluce
venendo giù
dal plumbeo cielo
silenziose.
Lento abbandono d'una notte
che s'attarda sulle prime ore
del giorno
mentre la luce
intrise le mani nel sonno
fatica a prendere slancio.
Lenta la pena dentro me
che lotta con l'uggia dell'aria,
una vaga inquietudine
dipana malinconiche ombre.
Questa mia essenza contagiata 

soggiace al gioco dell'ora
che nega spiragli di luce.
Tutto tace, e i miei pensieri
si perdono lontano
dietro la scia umida di un'auto. ©

                      
(Tutti i diritti riservati)     Stefyp.

 Un giorno di pioggia a Parigi
 Gustave Caillebotte

7 commenti:

  1. adoro i dipinti che inserisce..
    'pigre gocce'..
    anche la pioggia si inabissa e inabissa indolenzita nell'apatia..
    quasi a non voler suscitare emozioni o altro che possano trasmutare la malinconia in attesa..
    ed anche la luce pigra si attarda..
    in un silenzio attonito compagno del nichilismo del tempo..
    caduchi frammenti raccolti o persi sulla scia di un'auto che si trova per caso..
    al caso ci si affida..quando il ritmo della natura genera fastidio del divenire..



    un forte e sentito abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ciao Stefania, mi piace...mi piacciono le " malinconiche ombre " e i "pensieri che si perdono lontano dietro la scia umida di un'auto". Complimenti, più leggo i tuoi lavori più penso che sei veramente brava.
    Buon fine settimana.
    Antonella

    RispondiElimina
  3. Ciao Stefania,
    che bella la tua poesia, mi fa pensare a una passeggiata sotto la pioggia, proprio come nell'immagine da te scelta, ove un pò malinconici si torna verso casa con in mente l'odore dell'acqua appena caduta e i pensieri che viaggiano veloci perdendosi nella mente e disperdendosi come le gocce di pioggia ormai arrivate al suolo.
    Un abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
  4. Attimi di malinconia, sul finire del giorno, quando le luci si fanno fioche, e accondiscendono a pensieri pacati e dacadenti, in un'uggia che prende sempre più consistenza....
    Versi molto piaciuti e apprezzati, buon fine settimana e un caro saluto, silvia

    RispondiElimina
  5. Care amiche è un piacere leggere i vostri commenti, avete lasciato come sempre bellissime parole. Vi ringrazio molto.
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  6. Atmosfere inglesi che incutono la stessa malinconia di quelle gocce a cui la terra si dimostra refrattaria ma poi assorbe lentamente assimilandole. Questa la sensazione più che un commento a quanto letto. Ciao Stef

    RispondiElimina
  7. ...questa mi è penetrata dentro e l'emozione si è liberata...armonia sonora e forma diventano un canto..grazie cara Stefania...abbraccio..

    RispondiElimina