martedì 8 ottobre 2013

SCELTE PER VOI

TRA POESIA E FOTOGRAFIA

Quando la fotografia incontra la letteratura può farsi poesia

1° PARTE

Girovagando per il WEB ultimamente mi sono imbattura in un articolo che parlava di Monika Ewa Zebrowski.  Mi è venuta così l'idea di farvela conoscere per parlarvi anche dei tre poeti da cui lei a tratto ispirazione.




 Monika Ewa Zebrowski, anglo - canadese, si interessa di fotografia dal 1975, prima insegnava e si occupava di cinema. Con una Minolta SLR-101, ricevuta in regalo, scopre il mondo della fotografia e la propria vocazione di "artista -fotografa".
Nel 1997 decide di focalizzare tutte le sue energie verso l'immagine visuale e così torna a studiare all'università,  prende prima una laurea in fotografia e poi un master in Arti visive. Il suo interesse si sposta dal mondo della fotografia documentaria al regno delle immagini narrative; più personale, e perciò, più ambiguo. Le sue immagini esprimono le sue emozioni sul tempo che scorre, su identità e memoria. Parlando del suo lavoro, dice che le piace pensarlo come ad una narrazione.


La relazione con la poesia è data dal fatto che Monika Ewa Zebrowski lavora con ricerche visive personali, crea narrazioni visive seguendo i paesaggi, le visioni, le descrizioni, indagando il mondo poetico attraverso autori come: Robert Frost, (americano, di cui l'autrice ripercorre il sentiero che porta alla sua casa di legno nel Vermont, luogo eletto)
il russo Josif Brodskij (Nobel per la letteratura nel 1989, nato in Russia, vissuto in esilio negli Stati Uniti per quasi trent'anni, la cui opera ispira l'autrice – che ne americanizza il nome in Joseph Brodsky – nei suoi viaggi veneziani)
e il canadese Mark Strand che ha scritto su Brodskij.



In questa prima parte voglio proporvi dal mondo poetico di Robert Frost due poesie che fanno parte della raccolta edita 1965 "Conoscenza della notte e altre poesie" (traduzione di Giovanni Giudici).
 Robert Frost poeta statunitense nasce a San Francisco il 26 marzo 1874 - muore a Boston il 29 Gennaio 1963 dopo aver ricevuto quattro premi Pulitzer e due lauree Honoris Causa.
E' stato definito "il poeta dei campi".  La familiarità che dimostra avere con la natura e con le cose non è quella d'uno spettatore, sia pure dei più appassionati, bensì quella che l'uomo acquista dopo aver lavorato usando i vari strumenti agricoli.



ALFRED SISLEY

 LA STRADA NON PRESA

Divergevano due strade in un bosco
ingiallito, e spiacente di non poterle fare
entrambe uno restando, a lungo mi fermai
una di esse finché potevo scrutando
là dove in mezzo agli arbusti svoltava.

Poi presi l’altra, così com’era,
che aveva forse i titoli migliori,
perché era erbosa e non portava segni;
benché, in fondo, il passar della gente
le avesse invero segnate più o meno lo stesso,

perché nessuna in quella mattina mostrava
sui fili d’erba l’impronta nera d’un passo.
Oh, quell’altra lasciavo a un altro giorno!
Pure, sapendo bene che strada porta a strada,
dubitavo se mai sarei tornato.

lo dovrò dire questo con un sospiro
in qualche posto fra molto molto tempo:
Divergevano due strade in un bosco, ed io…
io presi la meno battuta,
e di qui tutta la differenza è venuta.
                                        Robert Frost


CONOSCENZA DELLA NOTTE

Io sono uno che ha conosciuto la notte.
Ho fatto nella pioggia la strada avanti e indietro.
Ho oltrepassato l’ultima luce della città.
Io sono andato in fondo al vicolo più tetro.
Ho incontrato la guardia nel suo giro
ed ho abbassato gli occhi, per non spiegare.
Io ho trattenuto il passo e il mio respiro
quando da molto lontano un grido strozzato
giungeva oltre le case da un’altra strada,
ma non per richiamarmi o dirmi un commiato;
e ancor più lontano, a un’incredibile altezza,
nel cielo un orologio illuminato
proclamava che il tempo non era giusto, né errato.
Io sono uno che ha conosciuto la notte.
Robert Frost

20 commenti:

  1. Ciao Stefania,
    non conoscevo Monika Ewa Zebrowski, grazie per avermela fatta scoprire ;)
    Adoro la seconda poesia di Robert Frost, bellissima!!!
    buona giornata un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey, ti ringrazio. Apprezzo la tua preferenza..è condivisa anche da me.
      Un abbraccio.

      Elimina
  2. Sempre nuove e valide conoscenze, nelle righe del tuo blog, per arricchiare l'anima e crescere nella cultura...grazie infinite, cara Stefania!
    Tanto sole nel tuo giorno, silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un grazie a te mia cara, i tuoi commenti sono sempre molto graditi.

      Elimina
  3. Interessante post... poesie stupende di Frost, e molto significative
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusta considerazione..sono d'accordo con te.
      Ti ringrazio per la visita.

      Elimina
  4. ...sempre molto interessanti le tue proposte: il mondo è pieno di buona poesia, peccato che sia poco amata...ciao carissima, e come sempre, ottime le scelte dei dipinti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio caro Sergio, quanta verità nelle tue parole...la poesia avrebbe bisogno di maggiore considerazione.

      Elimina
  5. Cara Stefania, io purtroppo non conosco quasi nessuno di questi bravi artisti.
    Io mi piace leggerli e apprezzare, un grazie a te che le ai condivise.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tommaso, ti ammiro molto..hai sempre un pensiero e un'attenzione per tutti.. e tutto..
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Sono capitata x caso nel tuo blog...bello, accattivante..complimenti mariantonietta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria Antonietta, apprezzo molto.
      Un caro saluto.

      Elimina
  7. Cara Stefania interessanti gli artisti che ci hai presentato :significativa la poesia sul bivio della vita. Buona sera ,ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per la preferenza, è sempre un piacere leggerti nel mio blog.
      Un abbraccio.

      Elimina
  8. Post molto interessante, ciao Stefy,
    Le poesie di Robert Frost sono particolari, molto belle e descrittive.
    Volevo capire solo una cosa, l'artista fotografa Zebrowski nei suoi scatti si ispira alle poesie degli artisti da te citati, ma in che modo?
    Forse rendendo visive le immagini poetiche narrate, è questo che intendi?
    Mi piace molto ciò che ci hai fatto conoscere, aspetto con impazienza il prosieguo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, sono contenta di aver suscitato la tua curiosità, ti dirò che le parole dei poeti aiutano la fotografa Zebrowski a focalizzare meglio, a migliora l'editing..ma cercherò di spiegarlo meglio con il prossimo post.
      Grazie per il tuo commento..

      Elimina
  9. Bellissimo post!
    Le poesie sono profonde con grande significato!
    Buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Apprezzo molto il tuo commento..grazie.
      Un caro saluto,

      Elimina
  10. Entrambe bellissime, e di una profondità non comune! Grazie!

    RispondiElimina
  11. Interessante , non conoscevo questa donna straordinaria, che ha colto la bellezza della poesia creando un nuova nuova espressione fotografica.
    Bellissime invece le poesie.
    a presto Gabry

    RispondiElimina