giovedì 10 ottobre 2013

SABBIE MOBILI

BORIS MUSATOV
Dèmoni e meraviglie
Venti e maree
S'è ritirato già il mare in lontananza
E tu
Come alga dolcemente dal vento accarezzata
Nelle sabbie del letto ti agiti sognando
Dèmoni e meraviglie
Venti e maree
Il mare s'è ritirato già in lontananza
Ma nei tuoi occhi socchiusi
Due piccole onde son rimaste
Dèmoni e meraviglie
Venti e maree
Due piccole onde per farmi annegare. 
J. Prevert

8 commenti:

  1. Immagine bellissima! Cara Stefania, che poi la bella poesia fa da cornice!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio caro Tommaso, un grazie per il tuo commento gradito.
      Ciao

      Elimina
  2. Ciao Stefania,
    triste e intensa questa poesia che sembra scritta apposta per ricordare gli ultimi avvenimenti che coinvolgono il mare, bello ma maledetto.
    Un abbraccio e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey, non ho percepito tra questi versi la tristezza di cui parli, d'altra parte la lettura e l'interpretazionesono sempre molto personali...
      Ho comunque gradito e ti ho letta con piacere, grazie.

      Elimina
  3. Sono d'accordo con il commento lasciato sopra.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cavaliere..è un piacere trovarti tra le righe del mio blog.
      Ciao

      Elimina
  4. Grande suggestione, e originalità, in questi bei versi che ci hai proposto, con il tuo prendere in considerazione "chicche" di grandi artisti...
    Buon fine settimana e un caro saluto, silvia

    RispondiElimina
  5. Grazie, è un piacere.
    Passa un buon fine settimana.

    RispondiElimina