sabato 25 gennaio 2014

CITAZIONE

"E' un miracolo che io non abbia rinunciato a tutte le mie speranze perchè esse sembrano assurde, e ineluttabili. Le conservo ancora, nonostante tutto, perchè continuo a credere nell'intima bontà dell'uomo .





"Mi è impossibile costruire tutto sulla base della morte, della miseria, della confusione. Vedo il mondo mutarsi lentamente in un deserto, odo sempre più forte l'avvicinarsi del rombo che ucciderà noi pure, partecipo al dolore di milioni di uomini, eppure quando guardo al cielo, penso che tutto si volgerà nuovamente bene, che anche questa spietata durezza cesserà, che ritorneranno l'ordine, la pace e la serenità"
(Così scrivera Anna Frank, pochi giorni prima che i tedeschi irrompessero nell'"alloggio segreto")
TRATTO DAL DIARIO DI ANNA FRANK

9 commenti:

  1. Vite strappate precocemente, e con violenza, al loro percorso, senza una ragione...tratti assai drammatici di storia recente, che fa assai riflettere sulla crudeltà umana...
    Buon fine settimana, Stefania e un abbraccio, silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..una crudeltà umana che non si ferma di fronte a niente..gli ultimi fatti ne sono la testimonianza..
      e vediamo ogni giorno quello che succede negli altri paesi....
      Ti ringrazio, abbraccio..

      Elimina
  2. Utopia povera bimba!
    Baciobacio cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..quanta bontà e quanta speranza in questa ragazzina maturata tanto in fretta, che ha pagato un prezzo davvero alto..
      Grazie di essere passata, ciao.

      Elimina
  3. Dura rileggere queste parole sapendo quel che le successe, sentendo ciò che è accaduto oggi nel quartiere ebraico di Roma... finirà mai questo folle odio?
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ellie, purtroppo credo proprio che non finirà mai, l'uomo porta dentro di sè una malvagità che non si può commentare.....
      Cerchiamo almeno noi di tenere vivo il ricordo.
      Buona domenica, e grazie.

      Elimina
  4. Ciao Cara,
    sono passata ieri per commentare solo che poi ho lasciato il commento a metà.
    Quando si parla di certe cosa non so cosa dire. La seconda guerra mondiale mi ha turbato profondamente sin da bambina e quando ho letto, per la prima volta, Anna è stato come prendere un pugno in pieno stomaco.
    Buona domenica un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..credo che sia così per molti, anch'io riprendendo in mano il libro per fare il post ho avuto la tua stessa sensazione, non è facile leggere certe cose....dovrebbe servire a tenere vivo il ricordo..almeno io ci provo...credo che lo dobbiamo.....
      Un grazie per tua presenza, abbraccio.

      Elimina
  5. Mi ha sempre toccato il cuore questa povera ragazzina, finita così malamente insieme a milioni di persone ..
    Ma attraverso il suo fumo disperso tra un camino e l'altro , abbiamo scoperto cosa sia la crudeltà e il perdono, e cosa credere nel male seguendo l'ottimismo!
    Bacio dolce!

    RispondiElimina