venerdì 9 maggio 2014

GLI ALBERI

ALFRED SISLEY
Accenno di un discorso che ancora si ripete,
spuntano sugli alberi le foglie;
i germogli freschi s’allentano e distendono
in una verdezza simile al dolore.

Forse quelli nascono di nuovo
mentre noi invecchiamo? No, muoiono anche loro.
Il trucco annuale di apparire nuovi
è scritto in fondo a venati anelli.

Eppure si dibattono, inquieti castelli
ancora grandi e folti a ogni maggio.
Morto è l’anno passato, sembrano dire,
e s’incomincia di nuovo e daccapo ancora.


                           PHILIP LARKIN

6 commenti:

  1. Una delle tante bellissime opere del grande pittore Alfred Sisley accompagna una grande poesia di Philip Larkin, versi profondi dentro la realtà della vita!
    Grande post!
    Un abbraccio e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  2. Ciao Stefania,
    bellissima questa poesia metafora della vita, della nascita, della morte e di quel rigenerasi durante la vita ;)
    Buon week end Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Tutto è un ripetersi nella vita e nella natura.
    Come scrisse Eraclito: "Tutto scorre, tutto è continuo divenire".
    La primavera è arriva, ora godiamocela appieno.
    Ciao cara Stefy.

    RispondiElimina
  4. Vi ringrazio per i vostri commenti, avete colto il senso di questi versi....e ne sono contenta.
    "L'armonia delle cose sta proprio nel suo perenne mutamento ........" (Eraclito)
    Buon fine settimana a voi.

    RispondiElimina
  5. poesia che fa riflettere e un bellissimo dipinto
    buona domenica Stefy

    RispondiElimina
  6. ...grazie della proposta poetica, qui da te , cara Stefy, bisogna entrare con tanta umiltà, anche questo bravo poeta, Larkin, non lo conoscevo...Sisley invece, assieme a Monet e Pissaro, è uno dei miei preferiti...ottimo accostamento con la poesia...abbraccio impressionista..

    RispondiElimina