sabato 6 settembre 2014

LA SEDUZIONE NELLA FOTOGRAFIA

Gian Paolo Barbieri



Un momento molto suggestivo se si ha la passione per la fotografia è visitarne una mostra guidata, e se capita di averne nella propria città una di Gian Paolo Barbieri, fotografo di moda e non solo, l'occasione è da non perdere. Visitare mostre come queste, anche se non si è interessati al mondo della moda, è un'esperienza unica che arricchisce. Questa mia idea personale è nata proprio dopo aver visitato la mostra “La seduzione della moda” al Centro Saint – Benin di Aosta.

Non credevo di rimanerne affascinata perchè il tema sulla moda non aveva per me molta attrattiva, invece ho dovuto ricredermi. Ho scoperto un artista la cui fotografia è sensazione, seduzione, uno spunto per l’immaginazione, un richiamo per il desiderio.

Barbieri ha lavorato per le più grandi riviste di moda , “Vogue “ per citarne una, e per i più grandi stilisti: Valentino, Armani...
Nel 1978 fu indicato dalla rivista "Stern" come uno dei quattordici autori che hanno fatto la storia della fotografia di moda.
 


Ogni fotografia è stata creata da Barbieri, tenendo conto del caratteristiche attrattive della modella, non si è trattato solo d'immortalare un attimo, ma di rendere l'immagine unica: dalla ricerca dei dettagli, dalla scelta delle scenografie all'attenzione per i tessuti. Nasce a Milano nel 1938 in una famiglia agiata di grossisti di tessuti, impara fin da giovanissimo l’arte di conoscere le stoffe.

Negli anni dell’adolescenza per Barbieri sono altri i luoghi che lo attraggono: i teatri, innanzitutto, che alimentano ed esaltano la sua vena fantastica, in seguito il cinema, che si rivelerà la passione di una intera esistenza. Esperienze, queste, che andranno ad influenzare notevolmente la sua espressività. 

 
Monica Bellucci, Audrey Hepburn, Sofia Loren, Veruschka, Iman, Jerry Hall: Barbieri immortala con la sua macchina fotografica le più grandi icone di stile di tutti i tempi.



Si avvicina alla fotografia da autodidatta, spinto proprio da quella grandissima passione che è il cinema e che lo porta nel 1962 a Roma, negli anni della Dolce Vita. Per sopravvivere, sviluppa e stampa le fotografie che scatta a stelline e aspiranti divi. L'esperienza dura poco e il caso lo porta altrove, a Parigi, dove lavora come assistente tuttofare di Tom Kublin, fotografo di Harper’s Bazaar. L’esperienza dura solo un mese (per la morte di Kublin), ma gli farà capire che è il momento giusto per sfruttare il proprio talento.
Avrei voluto proporvi più immagini, queste che vedere le ho reperite dal web, ma purtroppo come sapete nelle mostre non si possono fare fotografie, spero comunque di avervi dato un'idea.

14 commenti:

  1. La fotografia è un mondo che conosco molto poco, per cui questo post è molto interessante, e le foto sono davvero belle!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Ellie per l'apprezzamento, la fotografia invece per me rappresenta molto..insieme alla poesia è fonte di emozioni....abbraccio a te.

      Elimina
  2. Cara Stefania, il fascino della foto, per me rimane sempre il bianco e nero,
    l'armonia dei colori non sempre rendono le luci e ombre naturali.
    Caio e buon fine settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, anch'io credo che il bianco e nero nella fotografia abbia una nota in più, come dici tu luci e ombre danno più sensazioni....un abbraccione a te e grazie.

      Elimina
  3. Un post strepitosamente bello, che mette in rilievo il fascino della fotografia,
    con scatti davvero impagabili...grazie Stefania!
    Buon fine settimana e un abbraccio, silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Silvia, sono molto contenta che ti sia piaciuto, sono attratta dal mondo della fotografia, mi piace fare fotografia e forse proprio per questo sono più sensibile al suo fascino e mi colpisce molto quando diventa arte. Un abbraccio a te e buon fine settimana.

      Elimina
  4. Ma sono delle fotografie di grande stile sono tutte belle ,tutte parlano di un qualche cosa di misterioso...... per quello diventano così importanti ...a mio semplice avviso ...Cara Stefania ci mostri sempre die post molto interessanti ...
    Ti auguro un felice Weekend ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia cara Bianca, anch'io ci ho letto quello che dici, Il tuo occhio di pittrice ti ha fatto vedere oltre...grazie per i tuoi complimenti, cerco solo di proporre quello che mi colpisce e mi affascina....Un augurio a te, buon fine settimana.....

      Elimina
  5. Risposte
    1. Grazie Tiziano per la tua gradita visita, buona domenica a te.

      Elimina
  6. Cara Stefania,
    anch'io adoro la fotografia e quando vado alla mostre resto sempre un po' in contemplazione davanti agli scatti più belli. Hai ragione, sono scatti unici e favolosi ;)
    un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey, grazie...un abbraccio a te.

      Elimina
  7. Ma che splendide queste foto.
    Le amo tantissimo ma non sono esperta.
    Trovo questo lavoro bellissimo, le foto che hai scelto argomentate con grande intelligenza.
    Non conoscevo quest'artista se non per il nome Barbieri, probabilmente letto in qualche rivista di moda.
    Mi piace, grazie. Mi sono divertita a leggerti.
    Ti abbraccio fortissimo, ciao Stefania.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pia, sono contenta che ti siano piaciute le foto...sai ho solo riportato quello che ci ha detto la guida durante la visita, le foto sono belle, ma ne ho viste alcune ancora più affascinanti..purtroppo non le ho trovate per mostrarvele. Ti abbraccio forte anch'io e grazie ancora.

      Elimina