giovedì 3 gennaio 2013

LA LUNA D'INVERNO

 Luna d’inverno che dal melograno
per i vetri di casa filtri lenta
sui miei sonni veloci di ladro
sempre inseguito e sempre per partire.
Come un velo di lacrime t’appanna
e presto l’ora suonerà…
Lontano
oltre le nostre sponde, oltre le magre
stagioni che con moto di marea
mortalmente stancandoci ci esaltano
e ci umiliano, poi splenderai lieta
tu, insegna d’oro all’ultima locanda
lampada sopra il desco incorruttibile
al cui chiarore ad uno ad uno
i visi in cerchio rivedrò che un turbine
vuoto e crudele mi cancella.

                                Maria Luisa Spaziani
 

12 commenti:

  1. Risposte
    1. Mi spiace..non era nelle mie intenzioni..
      grazie, comunque per la visita
      ciao, Stefania

      Elimina
  2. Cara Stefania una bella scelta, bella veramente questa poesia.
    Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita, buona serata a te
      Stefania

      Elimina
  3. La luna ...questa nostra compagna misteriosa che ci infonde strani moti del nostro animo...
    Bella e delicata come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nella, per la visita e il commento.
      Buona serata,
      Stefania

      Elimina
  4. Ciao Stefania, molto bella la poesia ma la mia attenzione è stata tutta catturata dalla fotografia bellissima e malinconica. Mi piace tanto.
    Buona serata.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella
      lieta che ti sia piaciuta.
      Ciao, Stefania

      Elimina
  5. Bella la foto, stupenda la poesia... mi piace l'inverno!
    Ciao
    Xavier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Xavier
      grazie per la tua visita.
      Buona notte, Stefania

      Elimina
  6. il finale mi ha lasciato una terrificante sensazione di vuoto... ha cancellato tutto... suggestiva!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ellie, grazie della visita.
      Buona notte, Stefania

      Elimina