martedì 24 settembre 2013

CHE LIBRO LEGGO

Continua la rubrica: 
PROPOSTE DI LETTURA 
SULLA POESIA

Il libro di questa settimana è: NEL FERRO DEI BALOCCHI 
dell'autore 
Roberto Carifi



Roberto Carifi è nato nel 1948 a Pistoia, dove risiede.
Giovane contestatore ai tempi del liceo classico nel 68’, voce bellissima di un mitico complesso pistoiese degli anni ’60, “ I diplomati”, insegnante scrupoloso di storia e filosofia in vari istituti della città, amato dagli studenti e pure dalle studentesse, è autore di racconti e traduttore tra l’altro, di Rilke, Trakl, Hesse, Bataille, Flaubert, Racine, Simone Weil, Prévert, Rousseau, Bernardin de Saint-Pierre. 
Ha collaborato e collabora ai maggiori quotidiani italiani ed è redattore del mensile "Poesia". 
Ha pubblicato diverse raccolte di poesia ne cito alcune: Infanzia (Società di Poesia, Milano 1984); L’obbedienza (Crocetti, Milano 1986); Occidente (Crocetti, Milano 1990); Amore e destino (Crocetti, Milano 1993); Poesie Le parole del pensiero ; Il male e la luce ; L’essere e l’abbandono ; Nome di donna ; Tibet , Compassione .

NEL FERRO DEI BALOCCHI (CROCETTI EDITORE)  
è la raccolta uscita nel 2008 
Poesie 1983 - 2000
si ritrovano uniti tre libri dell’autore pistoiese: L’obbedienza (1986), Occidente (1990), Amore e destino (1993) e si tratta di bellissime raccolte di uno dei maggiori poeti del panorama italiano. L'intensità dei versi procura una emozione profonda. 
L'obbedienza metteva in luce uno dei temi ricorrenti della poesia di Carifi, quello dell'infanzia.
In occidente l'autore tratta un tema, oggi, che appare molto attuale: prefigura il declino del mondo occidentale con la perdita dei relativi valori e il passaggio al tempo del nichilismo, del nulla (“Lungo la gora camminano ragazzi, soldati in marcia,/ il crepuscolo giunge per loro,/ di notte sanguina sui loro letti”). 
Infine Amore e destino, è uno straordinario canto d’amore, un doloroso canto d’amore, perché l’assenza è ciò che qui si chiama amore (“Mi basterebbe la linea del viso/ accarezzarti lo sguardo, anche per poco,/ poterti dire quanto somiglia alla morte/ la tua assenza/

Riporto di seguito due poesie che ho scelto della raccolta, buona lettura:

Per tanti anni ho pianto
e c'era un figlio da questa parte, un morto
la foto è qui a destra, non guardare
non puoi guardare da vicino
i morti sono distanti, nel fondo del baule.
Qui, alla destra del padre,
la voce arriva come raffica
non c'è più luce e neanche il buio
non so, nemmeno loro sanno
che stagione è questa
"sono rimasta,
appesa a una cornice,
in piedi davanti a questa porta" (tratta da Occidente 1989) 

Barbara, creatura amata,
cos'è questa luce arata dal destino,
la trasparenza dove continuo a vederti,
che inchioda la mia anima al tuo viso?
Lo bacio nell'assenza, l'accarezzo
come nei sogni si sfiora il nostro desiderio,
quello che nella veglia si sottrae.
Se chiudo gli occhi
e vorrei soffocarmi nel cuscino
i tuoi si accampano nel sonno
e in questa specie di morte fanno il nido.
Al mio risveglio li ritrovo,
principio della luce.
Così, Barbara mia, i tuoi occhi
sono la notte e il giorno,
la mia fuga nei sogni e il mio ritorno.
Se non fossero lì, costodi del silenzio,
chi mai difenderebbe il labile confine
che sta tra il sonno e la mia fine? (tratta da Nostalgia -Amore e destino 1993)
 

11 commenti:

  1. Grandi proposte, e raffinatezza, nelle intense pagine del tuo blog..
    Buona giornata e un caro saluto, silvia

    RispondiElimina
  2. Cara Stefania, mi congratulo anche qui per il quadro che ti è stato assegnato da Tiziano.
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mio caro, è stata proprio una bella sorpresa. Ciao

      Elimina
  3. Non conoscevo questo autore prima, ma sembra essere interessante.
    Approfondirò l'argomento :)
    A presto :)

    RispondiElimina
  4. Ciao Silvia,
    ho letto con molta attenzione i versi di Carifi ed è stata una bella scoperta.
    Grazie, come sempre, per avermi presentato poeta che sicuramente mi sarei persa senza i tuoi preziosi post.
    un abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
  5. ...grazie Stefania, un poeta che non avevo letto e che trovo molto lirico...un abbraccio...

    RispondiElimina
  6. Interessante proposta, un nuovo poeta da leggere.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Sono contenta di scoprire che diversi di voi non conoscevano questo poeta, il mio intento era proprio quello...ben lieta di avervi stimolato la curiosità. E' un poeta che anch'io ho scoperto da poco e ho avuto modo di apprezzare proprio con questa raccolta.
    Un saluto a tutti, grazie per i vostri commenti.

    RispondiElimina
  8. Ciao Stefania, anch'io non conosco questo poeta, però vedo che è molto ben considerato. Bella anche la poesia che hai postato, grazie per avermelo fatto conoscere.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  9. Scusa volevo specificare, intendevo la poesia tratta da Occidente 1989.
    Perdonami non mi ero accorta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, non devi scusarti capita..l'importante che il post ti sia piaciuto. Grazie per la visita.

      Elimina