mercoledì 18 dicembre 2013

BABBO NATALE

CURIOSITA' SU BABBO NATALE

Elaborazione di immagine dal web


Il mito di Babbo Natale, come molti altri, ha origini antiche, che si perdono nella nebbia del tempo e certamente tutti sanno la leggenda del signore rosso vestito che si è originata dalla figura di San Nicola (Santa Claus nel resto del mondo), protettore dei bambini e degli studenti.

Quello che invece credo, certe volte, non si sappia è come si differenzia l'accoglienza che riceve dai bambini da paese a paese, per quanto Babbo Natale sia esteticamente identico nel mondo.

In Francia, ad esempio, i bambini ordinano metodicamente le proprie scarpe vicino alla porta d'ingresso, così che Babbo Natale possa riempirle di doni, mentre nei paesi di lingua tedesca i bambini attendono l'arrivo di San Nicola il 6 dicembre per ricevere dolci ed il 24 dicembre per i doni portati da Gesù bambino.

In Inghilterra, invece, i bambini preparano una tazza di latte, un pezzo di dolce ed una carota per ringraziare l'arrivo di Babbo Natale, previsto per il 24 dicembre.

I piccoli spagnoli non attendono l'arrivo del protagonista del Natale tanto quanto quello dei Re Magi: sono loro, infatti, a portare doni il 6 gennaio. Tradizione, questa, che si ripete anche in Messico e nelle famiglie più conservatrici dell'Argentina.

Il Natale ha ormai conquistato anche i paesi di matrice non cristiana. Un esempio su tutti il Giappone, dove il Natale è celebrato come festa dedicata ai bambini, con doni ed alberi decorati da lanterne di carta ed un Babbo Natale dagli occhi a mandorla, chiamato Hotei-osho.

 (ricerche dal web)

da  Filastrocca Tradizionale Natalizia
 
Arriva Babbo Natale

Dodici renne e una slitta tutta d'oro,
corre nel buio della notte
un vecchio, barba bianca e scarpe rotte.
Sulle spalle ha un sacco rattoppato,
grande, grosso, di neve inzaccherato..........


 




 
Babbo Natale

Babbo Natale
quest'anno verrà
e nel suo sacco che ci sarà?
.............





FILASTROCCA DI BABBO NATALE

Venite bambini tutti qua
Babbo Natale sta per arrivare.
Svelti sotto la trapunta
tra le braccia di morfeo
lasciatevi cullare.
Sognate il buon vecchio
con la barba bianca,
che dal cielo
con le renne e la slitta
arriverà.
Dormite bambini
al calduccio nei vostri lettini,
e lui scenderà dal tetto
col sacco in spalla,
per lasciare tanti doni
ai bambini buoni.
Bambole e trenini,
pennarelli e macchinine
stanno in silenzio,
buoni buoni nel buio
di grandi e piccoli pacchetti
dai nastri rossi,
perchè domani è Natale
e sarà festa
con i bambini tutto il giorno.
STEFYP. ©
TUTTI I DIRITTI RISERVATI


14 commenti:

  1. Paese che vai e storie che trovi!!! Babbo Natale lo interpretano in tanti modi...
    Una volta sentivamo Babbo Natale dentro il cuore, oggi troppo è cambiato e solo grande feste per chi ha molto soldi...
    Buona serata cara Stefania.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Già..quanto vere sono le tue parole..ormai si è perso la semplicità e la spontaneità, il consumismo ha spazzato tutto via....
    Buona serata, mio caro amico.

    RispondiElimina
  3. Ciao Stefania, sì, è davvero un peccato che tutta la magia e il significato del Natale si stia perdendo. Io faccio il possibile per mantenerlo vivo e per continuare le tradizioni ( ci credi se ti dico che lascio ancora il latte sul tavolo la notte di Natale? )
    però per tanti è diventato solo un fatto commerciale ed è un vero peccato.

    Bellissima la tua filastrocca, l'ho apprezzata tanto.

    Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella, fai bene ...non bisogna disperdere le tradizioni...sono tutto quello che ci resta...per mantenere viva la vera festa del Santo Natale. Non conoscevo questa tua tradizione..bella davvero!
      Un abbraccio.

      Elimina
  4. Ciao Stefania bella la filastrocca, solo che babbo natale diventa oggi anno sempre più povero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione purtroppo il momento che stiamo vivendo non aiuta molto Babbo Natale...quello che conoscevo io non portava grandi cose.... ma erano momenti bellissimi perchè ci si contentava di poco....adesso il consumismo ha rovinato tutto.
      Ciao.

      Elimina
  5. Ciao Stefy e bentornata.Penso che perdere le tradizioni che sono le nostre radici sia un vero peccato, perchè in questo modo perdiamo un patrimonio culturale davvero importante.
    La tua filastrocca è davvero molto bella, un bel regalo per tutti noi!
    Un grande abbraccio e buone feste :)
    Xavier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene..bisogna cercare di non perdere le tradizioni.... sono una parte di noi che se ne va...
      Grazie Xavier, un grande augurio di Buone feste...

      Elimina
  6. Una bellissima filastrocca, che hai approntato per la gioia di questi giorni festaioli, e tante usanze diverse per renderla ancora più preziosa....
    Ti leggo sempre con immenso piacere, Stefania, un sorriso per te, silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, mia cara Silvia...
      un caro saluto.

      Elimina
  7. ....che bel regalo mi hai fatto con questo post!...mi sono ritrovato bambino e ho sognato le cose che hai descritto scegliendo la favola delle scarpe; poi non sapevo delle usanze dei tanti paesi riportati, peccato che certi costumi si perdano nel caos del consumismo tecnologico; infine la chicca della tua filastrocca, grazie cara Stefania, Buon Natale e Felice Anno Nuovo...abbraccio sincero..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon Natale e un grandissimo augurio per l'Anno Nuovo a te....romantico poeta.....

      Elimina
  8. Risposte
    1. Grazie Gianna....siamo in clima natalizio....buona serata.

      Elimina