lunedì 3 febbraio 2014

I NOMI INTERDETTI

Francisco Goya
Quante persone camminano
verso di me? Quante mi
scoprono tra la folla
e posano i loro occhi tutti
sui miei occhi? Avrei potuto credere

che fra di loro ci fosse l'uomo che
avrebbe scambiato con me le dita sulla
tavola, una parola che fosse un spicchio
di arancia e poesia, il corpo acceso

sotto il lenzuolo stanco di più di un
giorno. Ma quanti di questi volti di
pietra che mi circondano nascondono il
suo nelle vie di questo pomeriggio? Quanti
nomi del caso e del silenzio dovrò
io ascoltare per scoprire il suo

nelle mie orecchie? Quante persone
camminano verso di me?
          Maria do Rosàrio Pedreira

7 commenti:

  1. Bella veramente questa poesia, grazie cara Stefania di averla pubblicata.
    Buona notte cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Proposte d'amore nelle quali porre profondi pensieri, per additare colui meritevole d'un amore profondo....Versi molto belli, in questa interessante proposta poetica.
    Davvero raffinato il dipinto che hai scelto.
    Buona giornata e un caro saluto, Stefania, silvia

    RispondiElimina
  3. Davvero una bellissima poesia, con la speranza di trovare quel volto speciale, con quel filo d'ansia di non trovarlo mai.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Una struggente ricerca di un viso amico ,di un nome da ricordare per esperienze da condividere. Un caro abbaccio

    RispondiElimina
  5. Grazie a voi per i piacevoli commenti...e per l'apprezzamento. Ho una fastidiosa influenza, che mi tiene a letto. Appena mi è possibile passerò da tutti voi.
    Buona serata e abbraccio.

    RispondiElimina
  6. ...quanti poeti non conosco! ...prima di conoscere te, pensavo di averne letti tanti, ma devo ricredermi..meglio così, c'è sempre da imparare nella vita...grazie Stefy...abbraccio..

    RispondiElimina
  7. Intensamente poetica...bramosia di vicinanza, tensione verso un'unione che pare difficile...sogno e realtà mescolate a illusioni di rara dolcezza...

    RispondiElimina